Inaugurazione del progetto LIFE BIOREST

Ridotto del Teatro Girolamo Magnani

Fidenza, 9 Settembre 2016

Biorisanamento, Rivegetazione e Recupero ambientale di suoli inquinati. 
La strategia per restituire alla città nuovi spazi verdi

Un grande progetto scientifico finanziato dall’Unione Europea con circa 970.000 euro oggi ha preso ufficialmente il via con il kick-off meeting al Teatro Magnani di Fidenza, città sede di uno dei più importanti interventi di bonifica ambientale a livello nazionale. L’evento moderato da Ilaria Redel Consorzio Italbiotec, coordinatrice del progetto è stato introdotto da Andrea Massari, Sindaco di Fidenza che ha restituito un quadro prezioso del grande lavoro di coordinamento portato avanti dal Comune nella bonifica e riqualificazione dell’area ex Cip-Carbochimica, che rappresenta un modello virtuoso nel contesto dei Siti di Interesse Nazionale. Di rilievo anche l’intervento di Paola Gazzolo, Assessore regionale alle Politiche Ambientali della Regione Emilia-Romagna, che ha sottolineato il forte impegno nel perseguimento di un ambizioso progetto di riqualificazione, del quale La Regione Emilia-Romagna è parte importante e attiva insieme al Governo che con lo stanziamento degli ultimi 5,8 milioni, ha contribuito a definire Fidenza una punta di diamante per l’intero Paese e soprattutto un modello replicabile su scala europea.

I partner hanno quindi preso parte attiva all’evento, illustrando le più  significative fasi di sviluppo del progetto, introdotti da Ilaria Re del Consorzio Italbiotec, che in qualità di coordinatore del progetto ha definito la strategia complessiva del progetto.

La prima fase di attività è stata descritta da Cristina Varese dell’Università degli Studi di Torino, che ha definito come attraverso la selezionare una libreria di batteri e funghi (i ceppi) sarà possibile definire un pool di microorganismi  ”con alta capacità di degradazione di inquinanti”. La seconda fase del progetto è stata descritta da Fabrizio Beltrametti, amministratore della società Actygea Srl, che sarà responsabile della produzione su scala industriale dei singoli ceppi o consorzi microbici selezionati per verifiche sperimentali (microcosmi e mesocosmi) e/o per l’applicazione in campo. La terza fase del progetto è stata illustrata da Edoardo Puglisi, ricercatore dell’Istituto di Microbiologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, che sarà responsabile dell’attività di trattamento del suolo inquinato e della rivegetazione. Infine sono intervenuti, Vittorino Francanidi ARPAE, che si occuperà del monitoraggio chimico-analitico, microbiologico ed ecotossicologico della degradazione degli inquinanti; José-Julio Ortega-Calvo, ricercatore presso Agencia Estatal Consjeio SUperior de Inestigaciones Cientificas - CSIC (Spagna) responsabile delle attività di analisi chimica biodisponibilità ed infine Najoi El Azhari dell’azienda SATT GRAND EST - WELIANCE (Francia) che si occuperà di attività microbiologiche di monitoraggio in collaborazione con l’Università Cattolica di Piacenza.

 

 

 

Scarica il Programma

Scarica il Comunicato Stampa LIFE BIOREST

Scarica Comunicato Stampa Comune di Fidenza

Contributi stampa

Scarica il Factsheet

Iscriviti alla newsletter

programma life logo
eng